Tag Archive: sweet


In casa mia si è sempre rispettata la tradizionale festa di S.Biagio, protettore della gola. Mia madre era di Castiglione a Casauria (PE) e in paese il santo è venerato come patrono, di conseguenza il 3 febbraio abbiamo sempre avuto a tavola le tipiche ciambelle all’anice. Si festeggia in molti paesi abruzzesi, sempre con la presenza delle ciambelle ma con tante varianti. In passato si utilizzava la pasta del pane con l’aggiunta dei semi di anice, in seguito si è diffusa la variante dolce anche con la presenza di confettini colorati a seconda delle zone.

Queste sono quelle che si preparano nella mia famiglia e, se volete festeggiare anche voi, provate a farle. Sono morbide, profumate e chi le preferisce calde può riscaldare rapidamente in forno nei giorni successivi. Ci vuole un po’ di tempo (circa 3 ore) in quanto necessitano di una doppia lievitazione, ma per il resto sono facilissime!

SONY DSC

Continua a leggere

Annunci

Ci sono tantissime varietà di torte inglesi di mele, questa a me piace molto perché ha una consistenza completamente diversa dalle comuni torte di mele. Ricorda una crema cotta, ma nello stesso tempo una crêpe spessa: da provare. Non si aggiungono grassi nella preparazione, quindi se si decide di consumarla senza l’aggiunta di gelato alla vaniglia o di panna semi montata, possiamo dire che è un dolce leggero. Personalmente sono molto legata ai dolci di origine inglese, mi ricordano la mia infanzia e li proporrò spesso!

Si prepara velocissimamente e non necessita di planetaria, bastano le comuni fruste elettriche. Se si utilizza uno stampo a cerniera consiglio di stendere un foglio di alluminio sulla griglia di appoggio: potrebbe fuoriuscire un po’ di impasto.

SONY DSC

Continua a leggere

Questo è un dessert facilissimo che risolve anche il problema del dolce in caso di ospiti inattesi. Si prepara in pochissimo tempo, è a base di panna leggermente montata e consiglio di offrirlo in piccoli bicchieri. È un dopopasto molto diffuso in Inghilterra e risale al XVIII secolo: la ricetta originale prevede il loro tipico sherry. Io l’ho preparato profumandolo con note agrumate e dunque reso gradito dopo un pasto a base di pesce. Chiaramente si può utilizzare il liquore che più è gradito purché non troppo secco.

SONY DSC

Continua a leggere

Come da tradizione durante le feste natalizie sulle nostre tavole non mancano mai i fritti di patate.

Anche questa fa parte delle ricette della nostra tradizione e ogni famiglia custodisce la propria.

Io voglio condividere con voi la mia e vi assicuro che sono talmente buoni che è meglio non iniziare a mangiarli, altrimenti sarà difficile smettere!

Non richiede particolare abilità nella preparazione: occorre solo avere la pazienza di aspettare che la pasta lieviti, ma il risultato premia!

Un consiglio per la frittura: abbondate con l’olio (sembra strano, ma otterrete così una frittura meno unta e più leggera), friggete pochi pezzi per volta in modo da non abbassare troppo la temperatura e utilizzate un tegame con i bordi abbastanza alti da contenere sufficiente olio da ricoprire i fritti stessi.

SONY DSC

Continua a leggere