Tag Archive: pane


Inauguriamo il nuovo anno con una ricetta che darà molta soddisfazione e invaderà la casa con un profumo irresistibile: il pane casalingo che preparo circa 2 volte a settimana. Si conserva bene, rimane morbido ed è buono. Più volte verrà preparato e più si imparerà a conoscerlo fino ad avere una certa dimestichezza con le varie qualità di farine: infatti a seconda del tipo utilizzato si otterrà un certo risultato.

Fornisco la ricetta con un solo tipo di farina e per la prima volta consiglio di utilizzare una farina per panificazione (l’indicazione si trova sulla confezione stessa della farina).  In seguito si potrà provare a miscelare: ad esempio con un po’ di farina integrale, di farro, di segale, di grano duro. Inserendo delle farine più pesanti (farro, integrale, cereali, ecc.) si avrà un pane un po’ più basso, con un po’ di farina di semola di grano duro risulterà invece un pane con la crosta più croccante.

Le varianti con il pane sono veramente infinite e la sua preparazione, secondo me, ha qualcosa di molto appagante regalando un senso di benessere. Non a caso ho scelto di pubblicare questa ricetta il giorno di Capodanno: è un augurio di prosperità per tutti!

SONY DSC

Continua a leggere

Questa è una ricetta che mette tutti d’accordo: mamme, bambini e ragazzi. Li ho chiamati softburger e non hamburger perché sono molto soffici e succosi all’interno e non risultano secchi o stopposi. Se poi si decide di comporli come un normale hamburger, vale a dire utilizzando dei panini scaldati, fettine di pomodoro, lattuga e salse, otterrete dei veri e propri panini american style preparati in casa con prodotti freschi: valuterete voi stessi la differenza con quelli delle ben note catene.

La morbidezza è data dall’uso del pane raffermo strizzato in quantità quasi uguale al peso della carne utilizzata; in più c’è la senape nell’impasto che regala uno sprint al gusto.

Il mio consiglio è di utilizzare una buona piastra antiaderente: otterrete una crosticina saporita e croccante che racchiuderà un interno morbido e saporito senza aggiungere ulteriori grassi al piatto. Altrimenti si può procedere a frittura o cottura al forno. A voi la scelta!

SONY DSC

Continua a leggere

Durante una vacanza estiva sulle Dolomiti, sono andata a vedere cosa offrissero in una festa svolta in pineta. Oltre a formaggi di malga, speck, miele e vari dolci tipici c’era anche questo pane buonissimo che si mangia durante le varie feste dell’anno. Si consuma a tutte le ore da solo o accompagnato da burro, formaggi o salumi. Non è un pane dolce: la dolcezza deriva dall’ utilizzo dell’abbondante frutta secca e va consumato dopo due giorni dalla preparazione in modo da poterlo affettare sottilmente e si conserva bene per una decina di giorni.

Con queste dosi si otterranno due pani.

SONY DSC

Continua a leggere