Tag Archive: french food


E’ un tipico piatto estivo a base di verdure fresche ed uova sode originario del sud della Francia, ma gradito tutto l’anno. Il piatto è costituito da insalata e varie specialità di stagione.

Ne esistono diverse varianti, adattate a proprio gusto. Solo a Nizza si osservano regole ferree per la realizzazione di questo piatto tipico. Vista la consistenza e robustezza, questo piatto viene servito come portata unica, accompagnato da pane fresco e seguito da frutta di stagione.

Vi propongo la mia versione ma nulla impedisce di variare a proprio piacimento.

SONY DSC

Continua a leggere

Se siete tra le persone che appena sveglie non vogliono parlare con nessuno, non vogliono che nessuno ci parli, non vogliono nemmeno aprire gli occhi e desiderano soltanto rimanere sotto le coperte, provate ad iniziare la giornata con qualcosa di goloso e vedrete che l’umore migliorerà! Vi suggerisco una preparazione diffusa nei Paesi francofoni, una ricetta che prevede il recupero del pane avanzato: le pain perdu. Come spesso accade ho apportato qualche personalizzazione alla ricetta originale, che secondo me, rende il pane troppo inzuppato e ho pensato ad un “isolante” in modo che il pane resti asciutto al suo interno. Ha un profumo incredibile che subito vi trasporterà in un bistrot parigino!

Due consigli: utilizzate il pane affettato più morbido e spesso rispetto al normale pancarré e se prevedete di fare più cotture ricordatevi di togliere il burro rimanente nelle padella e di pulirla tra una cottura e l’altra altrimenti il burro brucerebbe lasciando un sapore amaro.

SONY DSC

Continua a leggere

Ecco un classico esempio di ricetta preparata utilizzando la pasta brisèe.

È un dessert dalla realizzazione di media difficoltà e si riesce a preparare in poco tempo, quindi si può ottenere un ottimo e raffinato dolce da fine pasto anche in caso di ospiti improvvisi, lavorando poco in cucina e con ingredienti che normalmente abbiamo a disposizione senza uscire per fare appositamente la spesa.

Ho aggiunto un po’ di cannella alle mele perchè personalmente trovo che la sua fragranza ci si sposi benissimo.

Un suggerimento importantissimo: non usate assolutamente uno stampo a cerniera perchè il fondo caramelloso potrebbe fuoriuscire durante la cottura in forno con conseguenze antipatiche.

Inoltre lo stampo deve poter andare direttamente sul fornello, non utilizzatene uno usa e getta.

SONY DSC

Continua a leggere

Arricchiamo la categoria delle ricette di base con la pasta brisée, molto facile e veloce da preparare. È indispensabile per preparare numerosi piatti salati, dolci, tartellette, quiches e molto altro ancora.

Si compone solo di tre ingredienti ma è necessario che il burro sia freddissimo e che l’impasto riposi in frigorifero prima della cottura in forno.

Continua a leggere

Come anticipato, ecco un vero piatto antifreddo! Deliziose crêpes croccanti fuori ma con un sorprendente e delicato cuore fondente.

Sono un piatto perfetto da gustare in compagnia in una fredda sera invernale; si tratta di un piatto vegetariano e (se prepariamo le crêpes usando farina di riso) adatto anche ai celiaci.

Per preparare le crêpes mi sono servita della ricetta che vi ho già proposto in un altro post; qui dunque vi illustrerò solo la procedura di composizione e gratinatura. Se si vuol fare un piatto completamente vegetariano si potrà usare un brodo vegetale, come ho fatto io; altrimenti si può benissimo adoperare un brodo di carne. In caso di estrema fretta utilizzate un dado o un brodo granulare di ottima qualità.

SONY DSC

Continua a leggere

Oggi vi porto in Alsazia: un posto incantevole e incantato. Passeggiando per i vicoli di paesini curatissimi e ricchi di storia si incontrano botteghe di antiquari e ceramisti, e da forni e pasticcerie si sprigionano dei profumini irresistibili.

Tutti i fornai e pasticcieri preparano il tipico kougelhopf offrendone un pezzettino per assaggio, ben sapendo che chiunque ne acquisterà uno intero dopo la prova… e chiaramente anch’io fui tra quelli!

Subito mi sono messa alla ricerca del particolare stampo in terracotta cercando anche la ricetta che molto gentilmente mi ha fornito la signora del forno. Il procedimento poi l’ho sperimentato da sola e il dolce è venuto buonissimo. Non aspettatevi un gusto molto dolce, anzi la dolcezza viene conferita dall’uvetta. Il tutto risulta molto gradevole e il sapore di questo dolce ben si accompagna a un vino bianco dolce con note fruttate.

Ci sono moltissimi modi di chiamare questo squisito dolce: i più comuni, oltre a kougelhopf, sono kouglof, kougelhof, kugelhof, kugelopf, kugelhopf e kouglouf!

Continua a leggere