Category: Ricette vegetariane


Durante le mie recenti vacanze in montagna ho assaporato diversi tipi di pane e ve ne proporrò ogni tanto qualcuno.

La ricetta di oggi richiede un po’ di manualità durante l’assemblaggio. Per il resto essa è di facile realizzazione ed alla portata di tutti.

Suggerisco di impastare meccanicamente tramite una planetaria. Qualora ciò non fosse possibile, lavorare l’impasto a mano per almeno dieci minuti.

Il risultato sarà una morbida ciambella di pane ed anche l’occhio avrà la sua parte. Darà il meglio di sè abbinata ad una cena rustica oppure servita per antipasto assieme ad un tagliere di salumi e formaggi.

SONY DSC

Continua a leggere

Annunci

Oggi vi presento una ricetta vegetariana realizzata con le zucchine, ortaggi di facilissima reperibilità che in questo periodo dell’anno regalano il massimo del gusto.

E’ un piatto di veloce realizzazione, alla portata di tutti e leggero in quanto assemblato completamente a crudo: infatti non prevede alcuna cottura precedente.

E’ adattissimo ad essere servito in piccole porzioni come antipasto,  come piatto principale per una cena leggera e salutare oppure presentato a losanghe o a cubotti per una cena a buffet.

Va servito tiepido o freddo, accompagnato da un vino bianco fresco, con note fruttate e a bassa gradazione alcolica.

SONY DSC

Continua a leggere

Oggi andiamo in Corsica per assaggiare un piatto tipico preparato con un formaggio particolare chiamato “Brocciù”.

Il Brocciù è un formaggio corso, preparato con siero di latte di pecora o capra, simile alla nostra ricotta ma molto più compatto.

Si può comprare fresco o lievemente stagionato ed è un formaggio che si presta anche alla preparazione di dolci tipici. Trattandosi di un prodotto tipico locale, il Brocciù non è facilmente reperibile al di fuori del territorio di produzione per cui io ho utilizzato ricotta vaccina a cui ho aggiunto formaggio vaccino primo sale per aumentarne la corposità.

L’omelette corsa è ottima servita fredda a cubetti, accompagnata da un vino bianco fresco, come antipasto o aperitivo.

E’ una ricetta adatta anche a persone vegetariane e/o intolleranti al glutine, di facilissima e rapida realizzazione.

SONY DSC

Continua a leggere

Utilizziamo un frutto di stagione per la realizzazione di questo piatto.

Si tratta di una ricetta molto semplice, alla portata di tutti, ma di grande soddisfazione, molto gradevole alla vista e adatta anche a persone intolleranti al glutine.

I fichi preparati in questa maniera sono adatti sia come fresco antipasto che come goloso dessert.

Un consiglio: gustate le foglioline di menta insieme alla farcia e sarete conquistati dall’esplosione di freschezza!

SONY DSC

 

Continua a leggere

Il piatto di oggi è caratterizzato da un gusto estivo e un profumo mediterraneo. Ricorda la pasta alla Norma, ma, essendo quest’ultima una ricetta tipica siciliana, riconosciamo la sua appartenenza lasciando intatta la ricetta originale.

È una pietanza vegetariana o addirittura vegana se si esclude il formaggio; è inoltre un ottimo piatto unico. La sua preparazione è poi di facile realizzazione e non troppo elaborata.

Concludiamo con un consiglio tecnico: per il taglio delle verdure è consigliabile utilizzare un coltello con lama in ceramica. Questo tipo di coltello, oltre ad essere molto affilato, permette un taglio netto ed evita l’ossidazione immediata delle verdure e della frutta in generale. Va maneggiato comunque con estrema attenzione in quanto affilatissimo, non deve cadere o sbattere perché la sua lama si scheggia facilmente e va riposto sempre nella propria custodia.

SONY DSC

Continua a leggere

Ora vi porto in Galles per gustare una ricetta della loro tradizione: le salsicce gallesi. Non lasciatevi ingannare dal nome perché sono sì salsicce, ma vegetariane! Si tratta di polpette di realizzate con formaggio di produzione gallese: in passato si preparavano con il Glamorgan, oggi con il Caerphilly cheese, che è un formaggio prodotto con latte di mucca, a pasta piuttosto friabile con la scorza molto compatta e con l’interno più morbido. Ha un sapore di media intensità, con circa il 48% di grassi, piuttosto sapido e per questa caratteristiche era in passato consumato in grandi quantità dai minatori che reintegravano i sali persi durante il loro duro lavoro pasteggiando con questo formaggio salato e dalla scorza dura.

Attualmente il ciclo produttivo industriale ha reso il formaggio diverso sia nella forma che nel gusto rendendolo più adatto al fabbisogno nutritivo attuale: sono rimasti un paio di produttori che rispettano totalmente sia la forma tondeggiante che la stagionatura più lunga come tutto il ciclo produttivo tradizionale.

Chiaramente non potendo reperire facilmente sul mercato il formaggio Caerphilly per realizzare questa ricetta bisogna procurarsi un formaggio di latte di mucca, con gusto non troppo forte e che si possa tritare nel mixer: ad esempio del Montasio o dell’Asiago non troppo stagionati.

Altra modifica che ho apportato consiste nella frittura: la ricetta originale la prevede nel burro, io ho preferito utilizzare l’olio di arachidi. A voi la scelta e vi assicuro che sono delle salsicce buonissime e assai gustose.

SONY DSC

Continua a leggere