Archive for dicembre, 2013


Questa è una ricetta che mette tutti d’accordo: mamme, bambini e ragazzi. Li ho chiamati softburger e non hamburger perché sono molto soffici e succosi all’interno e non risultano secchi o stopposi. Se poi si decide di comporli come un normale hamburger, vale a dire utilizzando dei panini scaldati, fettine di pomodoro, lattuga e salse, otterrete dei veri e propri panini american style preparati in casa con prodotti freschi: valuterete voi stessi la differenza con quelli delle ben note catene.

La morbidezza è data dall’uso del pane raffermo strizzato in quantità quasi uguale al peso della carne utilizzata; in più c’è la senape nell’impasto che regala uno sprint al gusto.

Il mio consiglio è di utilizzare una buona piastra antiaderente: otterrete una crosticina saporita e croccante che racchiuderà un interno morbido e saporito senza aggiungere ulteriori grassi al piatto. Altrimenti si può procedere a frittura o cottura al forno. A voi la scelta!

SONY DSC

Continua a leggere

Annunci

Durante una vacanza estiva sulle Dolomiti, sono andata a vedere cosa offrissero in una festa svolta in pineta. Oltre a formaggi di malga, speck, miele e vari dolci tipici c’era anche questo pane buonissimo che si mangia durante le varie feste dell’anno. Si consuma a tutte le ore da solo o accompagnato da burro, formaggi o salumi. Non è un pane dolce: la dolcezza deriva dall’ utilizzo dell’abbondante frutta secca e va consumato dopo due giorni dalla preparazione in modo da poterlo affettare sottilmente e si conserva bene per una decina di giorni.

Con queste dosi si otterranno due pani.

SONY DSC

Continua a leggere

Questo è un dolce di una morbidezza infinita che richiede uno stampo particolare per la sua riuscita. Questo tipo di stampo ormai si trova nei negozi di casalinghi più forniti, assicuratevi però che sia di buona qualità e che i due pezzi di cui si compone combacino perfettamente, altrimenti l’impasto potrebbe fuoriuscire o incollare i pezzi stessi durante la cottura.

Si può servire semplicemente senza farciture oppure arricchire con panna montata, frutta fresca o sciroppata e tutto ciò che è gradito. Ci sono tantissime versioni, questa è quella che ho messo a punto personalmente e che preparo spesso per colazione senza farciture.

SONY DSC

Continua a leggere

Il chutney è una salsa agrodolce di origine indiana preparata inizialmente con mango. Tra il XVIII e il XIX secolo, a seguito della colonizzazione inglese dell’India, questa prelibatezza si diffuse anche in Inghilterra arricchendosi anche di numerose varianti.

È una salsa di accompagnamento per formaggi, carni e salumi. Di facile realizzazione, ma con un un gusto esplosivo! Per realizzare questa ricetta è preferibile utilizzare un robot da cucina per sminuzzare le cipolle, altrimenti… piangerete tanto.

Sarà necessario preparare dei vasetti sterilizzati muniti di coperchio con capsula per sottovuoto, come quelli che si usano abitualmente per le marmellate.

SONY DSC

Continua a leggere

Come da tradizione durante le feste natalizie sulle nostre tavole non mancano mai i fritti di patate.

Anche questa fa parte delle ricette della nostra tradizione e ogni famiglia custodisce la propria.

Io voglio condividere con voi la mia e vi assicuro che sono talmente buoni che è meglio non iniziare a mangiarli, altrimenti sarà difficile smettere!

Non richiede particolare abilità nella preparazione: occorre solo avere la pazienza di aspettare che la pasta lieviti, ma il risultato premia!

Un consiglio per la frittura: abbondate con l’olio (sembra strano, ma otterrete così una frittura meno unta e più leggera), friggete pochi pezzi per volta in modo da non abbassare troppo la temperatura e utilizzate un tegame con i bordi abbastanza alti da contenere sufficiente olio da ricoprire i fritti stessi.

SONY DSC

Continua a leggere

Con il nome calcionetti si intendono i tipici fritti natalizi abruzzesi. A seconda della zona assumono un diverso ma simile nome pur essendo facilmente riconoscibili dall’ aspetto, simile a quello di piccoli ravioli. Per quanto riguarda la parte esterna esistono tante varianti: con e senza uova, con aggiunta di un goccio di latte, con e senza vino. Io utilizzo una pasta leggerissima, che viene poco dorata vista l’assenza di uova, ma che assorbe pochissimo olio. Quindi non esiste una ricetta precisa, ci si affida alle ricette di famiglia. Per me un ricordo bellissimo della mia infanzia è quando ripenso all’inconfondibile profumo sprigionato dalle mandorle che mia madre tostava per il ripieno, che è a base di marmellata d’uva nera (quello che vi proporrò qui sotto), oppure di ceci lessati e conditi con mosto cotto, cacao e cannella. Si possono preparare anche con un ripieno di castagne e cioccolato; in tempi più recenti si è diffusa un farcitura alternativa e molto golosa a base di semplice Nutella.

Pertanto per questa ricetta non ho dosi precise. Posso solo dire che per quanto riguarda la parte esterna è la parte liquida dell’impasto a comandare sulla quantità di farina da utilizzare. Mi spiego meglio: la quantità dell’olio deve essere rigorosamente pari alla metà rispetto a quella del vino, es. mezzo bicchiere di olio e un bicchiere di vino. Riuscirete a dedurre la quantità di farina necessaria solo nel corso della lavorazione dell’impasto: dovrete ovvero ottenere una pasta che possa essere stesa e dovrete regolarvi sulla quantità di farina da aggiungere solo sulla base di questo principio.

Lo stesso vale per il ripieno nel senso che si parte dalla marmellata d’uva, poi si aggiungeranno gli altri ingredienti a seconda del proprio gusto assaggiando la farcia. Se il ripieno dovesse presentarsi, a vostro parere troppo asciutto si può aggiungere del mosto cotto o vino dolce, se al contrario dovesse essere troppo liquido si possono aggiungere altre mandorle o biscotti secchi tritati.

SONY DSC

Continua a leggere