Per mia curiosità verso la cucina internazionale, già conoscevo questo particolare tipo di zuppa di pesce. In realtà non mi ero mai avventurata nella sua preparazione perché lo trovavo troppo diverso dal nostro classico ideale di zuppa, brodetto, cacciucco o acquapazza che dir si voglia.

Tuttavia, durante il mio viaggio in Norvegia di quest’estate, una sera, in un bellissimo ristorante presso il porto di Trondheim, ho scelto di provare questo tipo di zuppa e la sua bontà mi ha colpita istantanteamente. Tornata a casa, dunque, ho deciso di provare a riprepararla e il risultato è stato straordinario!

Anche questo, oltre ad essere gustosissimo, è un piatto adatto ai nostri amici intolleranti al glutine. La sua preparazione è abbastanza semplice e non presenta grandi difficoltà. Volendo, la versione che propongo può essere arricchita aggiungendo crostacei sgusciati e anche molluschi.

C’è una versione che prevede anche l’uso del tuorlo d’uovo nel brodetto; io, non amando particolarmente il gusto dell’uovo, l’ho eliminato e il gusto non ne ha risentito affatto.

SONY DSC

INGREDIENTI

1 kg di pesce bianco a vostro gusto (merluzzo, coda di rospo, nasello…), eventualmente misto a salmone

800 grammi di patate

1 confezione di panna fresca

1 ciuffo di aneto

1 carota

1 porro

Olio e.v.o. q.b.

Sale q.b.

Pepe q.b.

SONY DSC

PROCEDIMENTO

Tritare il porro e la carota tenendo da parte qualche strisciolina di entrambi per l’ultima fase della preparazione.

SONY DSC

SONY DSC

Lasciar appassire porro e carota in un tegame con pochissimo olio. Aggiungere il pesce e le patate, regolare di sale e pepe, aggiungere l’aneto fresco tritato, coprire con acqua e lasciar cuocere per circa 15 minuti fino a che il pesce e le patate non risulteranno teneri.

SONY DSC

Aggiungere la panna e mescolare delicatamente. A fuoco spento, aggiungere alcune delle striscioline di carota e di porro tenute da parte (tenendone ancora da parte alcune per la decorazione): è fondamentale che restino croccanti e dunque non bisogna lasciare che cuociano.

Servire caldissimo decorando il piatto con le ultime striscioline di verdure e qualche ciuffetto d’aneto. Buon appetito!

SONY DSC

Annunci